Perché leggere poesia?

PopPoesia_perché leggere poesie

È lo scoprire che altri
prima di te
han patito
ciò che tu stai patendo ora.

È quell'amico
che rincuora
da quel suo passato
che tu stesso
ora, nel presente
stai vivendo.
Spalla su cui appoggiare
con tenerezza
il tuo capo,
certezza
di non esser mai giudicato.

È una via di fuga
per la tua mente,
sentiero già percorso
da cui cogliere
more e fragole
che osservano attente
ad ogni tuo passo
il ciclo umano
della caduta
e del riscatto.

È Ia soluzione
per uscire
da quella tua prigione
fatta di ansie,
sudore freddo la notte
quando impazzito
il cuore batte forsennato,
fuori controllo:
impaziente
cerca risposte
che non sa ottenere,
preso dal panico
del dover fare.

Datti tregua,
aggiungi tasselli
alla piramide della calma
che puoi iniziare a scalare
quando t'assillano
all'improvviso
le tue paure.

Leggi poesie:
non sei solo
a partire e soffrire,
apri la porta
a chi ha già vissuto,
trova il coraggio
dell'esser confortato,
confronta
il tuo baratro
con quello di chi
grazie alle sue rime,
pian piano
ne è uscito
e dal quello scoglio
si è allontanato.

ValeZenna

Se ti piacciono le mie poesie ne troverai delle altre in questa sezione del sito. Buona lettura!


Dai un occhio agli ultimi articoli pubblicati:


Condividi questa poesia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *