Papà

PopPoesia_papà
Baffi e barbe,
pungenti ritrovi
di baci vetrosi,
così tanto cercati,
così tanto aspettati.

Mani sicure
su cui potersi aggrappare
quando da bambini
non si fa che cadere.

Profumo di dopobarba,
cravatte, giacche
camice,
ciabatte la sera
al ritorno dal lavoro,
un minuto insieme
prezioso come oro.

Pensieri, silenzi,
visi seri di giorno,
la testa altrove,
ma il cuore in casa
in attesa del ritorno.


dove ti aspettano
sorrisi gratuiti,
puzzle, carte,
mimi, spese finte
e colori infiniti.

Attimi da vivere,
da spremere,
da assaporare,
più essenziali
di ogni altro affare.

Occhioni dolci,
specchi in attesa,
con una sola richiesta,
pura ed illesa:
“Giochiamo papà,
non barattiamo
ricordi preziosi
con pensieri da grandi,
vuoti e noiosi.”

ValeZenna

Se ti piacciono le mie poesie ne troverai delle altre in questa sezione del sito. Buona lettura!


Dai un occhio agli ultimi articoli pubblicati:


Condividi questa poesia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *